rassegna stampa

[Roma] Sciopero e presidio dei lavoratori della Farmacap

Venerdì nero per la Farmacap, Azienda Speciale Farma-socio-sanitaria, segnata dallo sciopero di decine e decine di lavoratori e lavoratrici dell’azienda capitolina.
Oggi, mentre tutti i giornali locali lanciavano titoli in prima pagina per l’apertura al traffico di via dei fori imperiali, a pochi metri da lì fuori al Campidoglio si è tenuto il presidio dei lavoraotri Farmcap che nonostante il caldo le ferie hanno voluto ricordare alla nuova giunta comunale altri importanti problemi che si vivono in questa città.

[Viareggio] Difendere la sanità pubblica. Assemblea dei lavoratori a Viareggio

Ripubblichiamo da Il Tafferuglio il testo di convocazione di un’importante assemblea pubblica sul tema della sanità e del diritto alla salute che si terrà a Viareggio il 25 giugno prossimo. Ci eravamo già occupati di sanità, sia su un piano locale e regionale che nazionale, e condividiamo in pieno sia le parole d’ordine di questo appello, sia la necessità di avviare percorsi di unità e coordinamento fra i lavoratori della sanità a un livello più ampio di quello attuale. Invitiamo pertanto i comitati, i lavoratori della sanità di Lucca e i semplici cittadini a partecipare a questa importante assemblea, con l’augurio che possa essere un punto di avanzamento per delle lotte in materia di sanità di cui nella Toscana del presidente del Pd Enrico Rossi e delle sue politiche di privatizzazione dell’assistenza, c’è sempre più bisogno.

Convocazione prima Assemblea dei lavoratori e delle lavoratrici della Sanità

SABATO 25 GIUGNO DALLE ORE 10.00 alle ore 17.00 (con pausa pranzo)

Dopolavoro Ferroviario Viareggio (LU) Via Machiavelli 257

Nel 1978 Mario Lizza scriveva che “Non c’è umanizzazione dell’ospedale senza umanizzazione delle condizioni di lavoro e di vita del personale che vi lavora”. Abbiamo voluto riprendere queste parole perché sono ancora più appropriate in un periodo nel quale lo smantellamento del SSN ha accelerato la sua corsa.

Il Governo afferma che non può più permettersi di mantenere lo “ Stato Sociale” con conseguente distruzione del Sistema Sanitario universale e pubblico, retto dal contribuente, producendo effetti sul tessuto sociale devastanti: dalla demolizione del sistema di diagnosi e cura dei piccoli ospedali (a tutto vantaggio del privato) alla eliminazione dei posti letto su tutto il territorio nazionale, dall’annientamento della prevenzione precoce ai controlli ambulatoriali, dalle prestazioni assistenziali alla qualità del servizio, dalle liste di attesa al pagamento del ticket.

Tali effetti si ripercuotono oltre che sui cittadini anche sui lavoratori e le lavoratrici attraverso il blocco del turnover e orari al limite della sicurezza, con l’imposizione delle assicurazioni private personali al corpo sanitario, il ricorso spregiudicato alle agenzie interinali e a cooperative che insinuano precarietà e un’incessante esternalizzazione che vede centinaia di lavoratori costretti a subire ogni tipo di ricatto, ecc.

Nel nuovo sistema che si vuole imporre, i lavoratori e le lavoratrici devono essere spogliati da ogni tutela, diritto o conquista ottenuta negli anni passati, assimilandoli al modello fabbrica, di cui sta assumendo tutti gli aspetti caratteristici: dall’organizzazione del lavoro sul modello catena di montaggio, alla parcellizzazione, con l’introduzione di figure gerarchiche in chiave di controllo, fino all’applicazione dei principi del modello Toyota per ridurre gli sprechi, aumentare la produttività ed eliminare i conflitti, mentre attraverso il demansionamento o sopra-demansionamento si sperimentano nuove forme di flessibilità.

Sul piano economico, se da un lato la necessità di risparmiare diventa imperante, dall’altro si deve coniugare con la capacità di ottenere profitto, ecco perché sul piano ideologico il consenso individuale da parte dei lavoratori che si trovano alle strette nel nuovo modello sanitario deve fondersi con il controllo sociale attraverso la separazione dei lavoratori tra loro e con il resto delle masse. Là dove non si raggiungono risultati, si adottano vari strumenti (come l’infame obbligo di fedeltà all’azienda), sviluppando e aggiornando forme di repressione tese non solo a colpire quelli che non vogliono sottostare, ma per infondere la paura come deterrente e monito nei luoghi di lavoro e per indurre al silenzio come unica risposta possibile.

I lavoratori sono sempre più stretti fra le decisioni dei vertici aziendali e gli utenti che devono subirle, decisioni che tagliano i servizi e rendono inaccessibile le cure a chi ne ha bisogno. Gli utenti avvertono, perché lo vivono tutti i giorni, i cambiamenti negativi di questo sistema, si lamentano, s’indispettiscono, esigendo risposte da chi non può più soddisfarle e i modi di difendersi si manifestano nelle forme più diverse, incalzati dai media e da campagne denigratorie (Brunetta insegna).

Lo stress lavorativo subito, dovuto al disagio per le richieste eccessive e continue, interne ed esterne, spesso al di sopra delle proprie risorse fisiche e mentali, quando addirittura divergenti con le motivazioni personali, conduce noi tutti a porci delle domande. E’ un delitto pretendere di lavorare meglio, con più personale, in condizioni più umane, il non voler essere di fronte al malato il capro espiatorio verso il quale egli può gettar la sua rabbia e la sua sofferenza per una assistenza

che sempre peggio si fa carico delle sue esigenze? E’ un delitto voler smascherare ogni tentativo di mettere un lavoratore contro l’altro, mascherando le reali cause del processo di riorganizzazione in corso? E’ un delitto voler costruire un fronte comune con gli utenti contro la distruzione della sanità pubblica e contro chi vuole la condanna a morte di chi non si può permettere cure? NOI PENSIAMO DI NO!

Sappiamo che la paura, le minacce velate o esplicite, i soprusi, le intimazioni sono strumenti che scoraggiano i lavoratori a difendersi ed a passare dalle semplici lamentele, dalla demotivazione verso il proprio operato, a una azione collettiva e organizzata che può restituire dignità personale e lavorativa.

Siamo un gruppo di lavoratori e lavoratrici della sanità, infermieri, operatori socio sanitari, amministrativi, operai, medici, organizzati in vario modo nei luoghi di lavoro, convinti che sia giunto il momento di iniziare ad assumere la consapevolezza che, di fronte allo scenario che si prospetta, divisi non andiamo da nessuna parte e che per iniziare ad arginare la valanga che si sta abbattendo su di noi dobbiamo rimettere al centro la solidarietà, l’unità e l’autorganizzazione, riprendendo la capacità non solo di informarci e informare ma di impedire che attraverso questo processo la sanità diventi sempre più preda di avvoltoi e criminali.

Un percorso questo che se non è ostacolato, cancellerà ogni diritto e ogni legittima aspettativa dei lavoratori e lavoratrici e il diritto a una Sanità Pubblica universalistica.

La difesa delle condizioni di lavoro assume, quindi, un’importanza strategica che va ben oltre il mero ambito contrattuale o l’interesse particolare di una categoria professionale, coinvolgendo il tema della tutela della salute dei cittadini. Per fare questo è fondamentale costruire momenti di aggregazione, solo da un’azione collettiva può nascere la forza che permetterà di modificare le cose. Abbiamo in mano dei potenti strumenti di cambiamento, dobbiamo imparare a utilizzarli.

Questa assemblea vuole essere il rpimo passo per unire chi non vuole abbassare la testa, chi vuole contrastare questo processo di privatizzazione, chi non vuole essere complice della distruzione della sanità pubblica, perché la salute non è una merce che si vende e si monetizza.

Per questo è necessario prendere consapevolezza della situazione che stiamo vivendo e del futuro che si prospetta perché noi siamo la sanità pubblica.

Comitato lavoratori e lavoratrici “IO SONO LA SANITA’ PUBBLICA”

Per eventuali aggiornamenti e per conoscere il programma completo della giornata rimandiamo all’evento facebook dell’assemblea pubblica.

[Pavia] Altro che demoralizzati! Nuove lotte alle porte di H&M

Mentre in Francia i politici al servizio degli imprenditori facevano passare il Jobs Act in salsa gallica con tutta la spocchia possibile e in barba alle grida di opposizione dei lavoratori, in Italia, dove è ormai più di un anno che la riforma del lavoro è in vigore, i lavoratori fanno vedere che la lotta non è mai finita!

Interviste e inchieste

Cosa si muove

  • braccianti foggia bloccano pomodoro
    Aug 26 , 2016

    Ieri grande giornata di lotta dei braccianti in Puglia! In più di 400 hanno bloccato per sei ore la Princes, la più grande fabbrica di trasformazione del pomodoro d'Europa, 3 miliardi di fatturato l'anno, alla periferia di Foggia.

  • Foto picchetto H&M
    Aug 23 , 2016

    Nonostante il tentativo da parte dei padroni di spegnere sul nascere qualsiasi presa di coscienza da parte dei lavoratori, davanti ai cancelli dei magazzini H&M non si molla. Non ci si arresta e si resiste consci che l’organizzazione e l’unità di classe siano le uniche armi per ottenere condizioni di lavoro dignitose.

Cassetta degli attrezzi

  • Jan 26 , 2016

    Pubblichiamo un opuscolo tecnico-informativo sulla clausola di salvaguardia del posto di lavoro in caso di cambio  appalto, scritto dal comitato dei lavoratori delle pulizie dell'Università La Sapienza.

     

  • copertina manuale sul lavoro nero
    Dec 17 , 2015

    Questo manualetto è il risultato di un percorso nato all'interno della Camera Popolare del Lavoro di Napoli, un'esperienza nuova, autogestita, interna allo spazio e al progetto dell'Ex OPG “Je so’ pazzo”.

  • La lettura della busta paga
    May 28 , 2015

    Il primo incontro di formazione per l’autotutela dei lavoratori e della lavoratrici, tenuto a Napoli, presso la Camera Popolare del Lavoro, ha dato i suoi frutti!
    Pubblichiamo qui, per tutti gli interessati, il materiale video e i documenti che abbiamo autoprodotto nello sforzo collettivo di capire qualcosa in più sulla lettura della busta paga.

Articoli

  • "Questa è la strategia standard per privatizzare: togli i fondi, ti assicuri che le cose non funzionino, la gente si arrabbia e  tu consegni al capitale privato."                   Noam Chomsky
    Aug 21 , 2016

    La vicenda della Fondazione Arena è arrivata ad una svolta e finalmente, come si diceva un tempo, il re è nudo. In più di un’occasione abbiamo messo in evidenza quali erano i punti di interesse comune tra il sindaco Tosi e l’uomo di fiducia del ministro Franceschini, il Commissario Fuortes.

  • Disegni di uomini che subiscono infortuni
    Aug 12 , 2016

    Presentata in commissione la riforma del Testo unico sulla sicurezza sul lavoro. Crescono infortuni e morti bianche, l'attività ispettiva è carente, ma per Maurizio Sacconi bisogna "semplificare" la normativa e deresponsabilizzare il datore di lavoro.

  • caporalato illegale legale
    Aug 11 , 2016

    Dormivano in stalle e porcili, mentre di giorno gli imprenditori agricoli della piana di Sibari li sfruttavano fino al midollo nei loro campi, con paghe da fame e orari di lavoro massacranti. È soltanto una, né la prima né l'ultima, delle tante storie di sfruttamento, che quando giunge al disonore delle cronache ci si affretta ad ammantare di eccezionalità: è colpa delle agromafie che controllano pezzi della nostra agricoltura, è colpa dei caporali malavitosi e criminali, è colpa di qualche imprenditore senza scrupoli.

Internazionale

English

Commenti e Analisi

  • Qualche giorno fa Repubblica ha proposto un’intervista di Businessweek a Marissa Meyer, CEO di una delle più grandi corporations al mondo: Yahoo.  In questa intervista la Meyer ci svela la chiave del successo del gigante statunitense e più in generale di ogni grande azienda: secondo lei «Il segreto della fortuna delle aziende è quello di avere dipendenti che si impegnano duramente. Si può arrivare a una media di 130 ore alla settimana».
    Aug 12 , 2016

    Qualche giorno fa Repubblica ha proposto un’intervista di Businessweek a Marissa Meyer, CEO di una delle più grandi corporations al mondo: Yahoo.

    In questa intervista la Meyer ci svela la chiave del successo del gigante statunitense e più in generale di ogni grande azienda: secondo lei «Il segreto della fortuna delle aziende è quello di avere dipendenti che si impegnano duramente. Si può arrivare a una media di 130 ore alla settimana».

  • renzi riforma madia
    Aug 01 , 2016

    Come nella più classica delle tradizioni, i mesi estivi sono quelli che i governi preferiscono per annunciare o varare misure peggiorative nei confronti del lavoro: stavolta è toccato alla ministra Madia, mentre i destinatari della “riforma” sono i famigerati statali.

Manuale autodifesa contro il lavoro nero

Inchiesta Montedomini

Speciale sulla Crisi di Roma

Inchiesta Eataly

#KillBilly

Clash City Video

lunedì dalle 12 alle 13

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Cliccando su approvo acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy