[Napoli] Tess, operatori in allarme: futuro sempre più a rischio

Multithumb found errors on this page:

There was a problem loading image 'http://st.ilfattoquotidiano.it/wp-content/themes/ilfatto/thumb/295x0/wp-content/uploads/2010/07/logo_tess.gif'
multithumb2 found errors on this page:

There was a problem loading image 'http://st.ilfattoquotidiano.it/wp-content/themes/ilfatto/thumb/295x0/wp-content/uploads/2010/07/logo_tess.gif'
There was a problem loading image 'http://st.ilfattoquotidiano.it/wp-content/themes/ilfatto/thumb/295x0/wp-content/uploads/2010/07/logo_tess.gif'
multithumb5 found errors on this page:

There was a problem loading image 'http://st.ilfattoquotidiano.it/wp-content/themes/ilfatto/thumb/295x0/wp-content/uploads/2010/07/logo_tess.gif'
multithumb4 found errors on this page:

There was a problem loading image 'http://st.ilfattoquotidiano.it/wp-content/themes/ilfatto/thumb/295x0/wp-content/uploads/2010/07/logo_tess.gif'
multithumb3 found errors on this page:

There was a problem loading image 'http://st.ilfattoquotidiano.it/wp-content/themes/ilfatto/thumb/295x0/wp-content/uploads/2010/07/logo_tess.gif'
“Fate Presto. Ad oggi siamo a 162 giorni senza stipendio pari a 7 mensilità”, così i lavoratori della Tess Costa del Vesuvio (società partecipata a maggioranza dalla Regione Campania, nata per sostenere tessuto imprenditoriale ed occupazione nel territorio tra Castellamare di Stabia e Torre Annunziata) ricordano con un fax inviato quotidianamente a sindacati, gruppi consiliari regionali, soci (Regione Campania, comuni dell’area Tess, Provincia di Napoli) la loro gravissima condizione.

logo_tess.gifPer richiamare l’attenzione sulla vertenza, inoltre, lo scorso 7 dicembre, i 29 lavoratori hanno addobbato, sul piazzale davanti alla sede della Regione, un “albero di Natale con tante balle” ovvero le tante chiacchiere che hanno collezionato in oltre un anno e mezzo di proteste per l’aggravarsi della crisi della società. I lavoratori – fanno sapere – sono pronti a intraprendere nuove forme di protesta per sollecitare “l’attenzione delle istituzioni”.

Rete Camere Popolari del Lavoro