Goodmorning Campania!

Sembra un bollettino di guerra quello che leggiamo ogni giorno sui quotidiani locali: ormai le vertenze aperte sul territorio campano stanno aumentando esponenzialmente e il dato più drammatico che emerge è che la situazione è destinata a peggiorare.

 

 

lavoratori-circum-cumana-napoli.jpg

Lavoratori dei Trasporti, dell'Edenlandia e dello Zoo, delle Coop, i marittimi, Ixfin (solo per citarne alcuni) ormai portano, quasi quotidianamente, in piazza e all'attenzione delle istituzioni le loro vertenze senza però ottenere risposte significative. Le istituzioni, a qualsiasi livello, sembrano ormai incapaci di risolvere i problemi di questi lavoratori, anche perché le loro politiche sono ormai incentrate sui tagli, sulla dismissione di qualsiasi intervento pubblico, sui favoritismi ai privati e alle cordate clientelari.

Stamattina a Napoli c'è stata l'ennesima protesta: i lavoratori della linea Cumana e della linea Circumvesuviana hanno bloccato il servizio dopo aver ricevuto la notizia che quest'anno per loro non ci sarà il Natale... visto che non riceveranno la tredicesima, tredicesima che in molti casi serve, piuttosto che a comprare balocchi, a non chiudere il bilancio familiare in rosso. La circolazione nella metropoli campana è stata così ancora una volta bloccata, come era successo qualche giorno fa, giorno in cui i lavoratori EAVBUS si erano resi protagonisti di una protesta pacifica, criminalmente caricata dalla polizia (vedi il video).

Insomma, il dato che emerge da questo quadro disastroso è che esiste un largo e sfaccettato attacco al mondo del lavoro, e che per poter resistere è necessario che tutte le vertenze si uniscano e chiedano con una sola voce la sicurezza per il proprio futuro...

Rete Camere Popolari del Lavoro