[I lavoratori salveranno Roma] Dipendenti ATAC in presidio!

Dipendenti ATAC in presidio

Lunedì 6 Luglio i dipendenti ATAC (compagnia di trasporto pubblico di Roma) sono stati in presidio davanti la sede dell'azienda in via Prenestina per protestare contro la disdetta unilaterale della contrattazione di secondo livello ad opera della compagnia.

Come si legge su un articolo di RomaToday: <Tutti gli accordi di secondo livello in Atac, infatti, stipulati dal 1962 ad oggi, sono annullati. E' l'effetto di una lettera datata 11 giugno e inviata venerdì scorso a tutte le sigle sindacali che di fatto apre le porte ad un nuovo campo di battaglia per l'amministrazione capitolina e per la sua municipalizzata più importante. Si apre infatti ora una fase di contrattazione, come confermato da Atac, che entro ottobre dovrà portare ad un nuovo accordo. E se l'accordo non arrivasse le conseguenze potrebbero essere non di poco conto. Dal 1 ottobre le ore di lavoro salirebbero da 37 a 39. Sarebbero salvi da questa eventualità gli autisti che hanno già ricevuto un piano per costruire turni di 37 ore. Ma è anche sui salari che si staglia una pericolosa ombra.
E' la Faisa Confail a disegnarla parlando di una "decurtazione salariale di circa 400 euro al mese".>

Inizia quindi la lotta, come raccontato dai lavoratori ai microfoni di Corrispondenze Operaie

Leggi anche Affaritaliani

Rete Camere Popolari del Lavoro