[Livorno] Alla Starweb significativa vittoria dei lavoratori del call center

Multithumb found errors on this page:

There was a problem loading image 'http://www.senzasoste.it/images/stories/3_euro_lora_vergogna.jpg'
multithumb2 found errors on this page:

There was a problem loading image 'http://www.senzasoste.it/images/stories/3_euro_lora_vergogna.jpg'
There was a problem loading image 'http://www.senzasoste.it/images/stories/3_euro_lora_vergogna.jpg'
multithumb5 found errors on this page:

There was a problem loading image 'http://www.senzasoste.it/images/stories/3_euro_lora_vergogna.jpg'
multithumb4 found errors on this page:

There was a problem loading image 'http://www.senzasoste.it/images/stories/3_euro_lora_vergogna.jpg'
multithumb3 found errors on this page:

There was a problem loading image 'http://www.senzasoste.it/images/stories/3_euro_lora_vergogna.jpg'

Alla Starweb significativa vittoria dei lavoratori del call center. Dopo la denuncia politica e giudiziaria di qualche mese fa sono riusciti a strappare al padroncino di turno un accordo che prevede la loro regolarizzazione in qualità di lavoratori a progetto. Non tantissimo è vero, ma sicuramente un avanzamento che permetterà ai lavoratori di poter usufruire delle clausole che prevedono la possibilità di poter scegliere le modalità ed i tempi di lavoro oltre che di poter contare su una quota fissa di compenso maggiore.

3_euro_lora_vergogna.jpgNulla di rivoluzionario ma ben sappiamo che nessun padrone rispetta le norme previste da questo tipo di contratti. Bisogna purtroppo rilevare un aspetto paradossale della battaglia. La sede del call center si trova infatti nello stesso edificio in cui hanno sede gli uffici della CGIL. Ebbene, nessun sindacalista aveva detto nulla della vicenda fin quando il collettivo “Wake Up” ha messo in atto una protesta che ha permesso di porre la condizione dei lavoratori all'attenzione di tutti. Ed oggi la segretaria della NIDIL-CGIL sostiene che “la tipologia di lavoro atipico [è] preda di proteste fini a se stesse”. Purtroppo queste dichiarazioni non tengono in considerazione che proprio grazie alle proteste degli scorsi mesi, all'azione che vide i lavoratori calare dalla palazzina in cui ha sede il call center un immenso striscione con cui denunciavano la propria situazione, le pressioni sul padroncino sono aumentate e hanno permesso ai lavoratori di accumulare quelle forze necessarie oggi per strappare l'accordo. Per approfondire clicca qui

Rete Camere Popolari del Lavoro