[Benevento] Sciopero al MARSec contro 9 licenziamenti seguiti alla privatizzazione

I processi di privatizzazione vengono spesso magnificati da media e addetti ai lavori. L’ingresso di privati porterebbe con sé aumenti di efficienza, produttività e profittabilità. Sul piatto della bilancia, non compare quasi mai l’altra faccia della medaglia: il peggioramento delle condizioni di lavoro dei dipendenti.

marsec.jpg

In un momento in cui si fa un gran parlare delle future privatizzazioni, che dovrebbero rappresentare un volano di sviluppo per il paese, è bene fissare l’attenzione su cosa questi processi raccontano dal nostro punto di vista, quello di lavoratori e lavoratrici.

Al MARSec di Benevento, un centro che offre prodotti e servizi soprattutto alle Pubbliche Amministrazioni grazie all’elaborazione di dati satellitari, il processo ha avuto inizio un paio di anni fa. Da allora la condizione lavorativa dei dipendenti è andata progressivamente peggiorando: dilazione nel pagamento degli stipendi, soppressione della “quattordicesima”, cassa integrazione straordinaria che da quasi un anno interessa 10 lavoratori. Fino ad arrivare a 9 licenziamenti...

Per contrastare questa deriva, i lavoratori hanno indetto uno sciopero di 8 ore per la giornata dell'11 marzo 2014, con la convocazione di due presidi. Il primo ha avuto luogo alle ore 10 presso la Rocca dei Rettori; il secondo alle 17.30, presso la sede della Confindustria beneventana, in occasione dell’incontro tra azienda e parti sociali sulla mobilità. L'ncontro, di cui non era stata data alcuna comunicazione alla RSU azienda, si è concluso alle 19:40 con un nulla di fatto se non con un nuovo appuntamento tra società e parti sociali il 17 marzo alle 15 per tentare una nuova mediazione.

---
Fonte:
NTR 24
Oggibenevento
Informatoresannita

Rete Camere Popolari del Lavoro