[Firenze] Nuovo sciopero e corteo dei lavoratori di Careggi

Pubblichiamo il comunicato di indizione dello sciopero dei lavoratori dell'AOU Careggi di Firenze. Un appuntamento importante non solo per gli interni all'ospedale ma per tutti i lavoratori della sanità fiorentini, per tutti i dipendenti (o finti soci) delle cooperative sociali e sopratutto per tutti coloro che hanno a cuore la salvaguardia della sanità pubblica. Rilanciamo inoltre gli appuntamenti del 14 febbraio ore 21.00 al CPA Fi SUd per i residenti di Gavinana e dintorni ed la manifestazione di sabato 16 febbraio (ore 15 s.Marco) a difesa della Sanità Pubblica.

b_300_0_16777215_00_images_stories_rassegna_sciopero-corteo-lavoratori-careggi.jpg

SCIOPERO INTERA GIORNATA di tutti i lavoratori di Careggi contro

• LA NUOVA TURNAZIONE

• LA DEMOLIZIONE DELLA SANITA’ PUBBLICA

Nonostante la netta opposizione dei lavoratori, i quali nell’assemblea dell’11 gennaio scorso hanno chiaramente e ampiamente descritto cosa concretamente questa nuova turnazione comporterà, la direzione aziendale ha deciso di procedere con la modifica dell’orario di lavoro e delle ferie. Le Organizzazioni sindacali COBAS, USI, UIL e FIALS, che da sempre si sono espresse in maniera nettamente contraria, si vedono costrette a proseguire e aumentare il livello di mobilitazione. La direzione aziendale, con la compiacenza e la complicità di alcuni sindacati che hanno inteso legittimare un presunto tavolo tecnico arbitrariamente composto dall’azienda, non si illuda di voler governare Careggi con l’arroganza e l’autoritarismo. Tramite l’alibi del contesto di crisi generale, la Direzione ha deciso di aggredire alcuni elementi fondamentali del rapporto di lavoro, in particolare l’orario di lavoro e le ferie.

Con l’indizione dello sciopero vogliamo ribadire alla direzione aziendale che non accetteremo di veder negati i nostri diritti, né di essere umiliati, né di veder peggiorare le condizioni di assistenza, né di lavorare in condizioni di rischio. I tagli e le riduzioni, sia di posti letto che di personale, sono giunti a livelli insostenibili e pesano inevitabilmente sia sulla qualità che sulla quantità delle prestazioni assistenziali che vengono fornite. Da mesi i lavoratori sono in stato di agitazione con una vertenza aperta per contrastare decisioni aziendali che, oltre a colpire le tutele contrattuali, determinano disorganizzazione delle attività assistenziali. La sanità è un bene che non può essere distrutto, oggi stiamo assistendo ad un processo che, degenerato nel corso del tempo, si palesa oggi in tutta la sua mostruosità: la conversione della salute in merce, un nuovo modello di sanità commerciale basato su forme di assicurazione privata che fanno della malattia e della sofferenza, della vita e della morte meri oggetti di profitto.

UIL – Cobas – USI – Fials

Venerdì 8 febbraio faremo il secondo sciopero aziendale sulla vertenza che ci vede contrapposti all’azienda sul cambio della turnazione h 24. Si stà giocando una partita importante a Careggi che aprirà la strada ad una nuovo modo di lavorare dentro gli ospedali toscani all’insegna di uno sfruttamento maggiore e di una peggiore qualità dell’assistenza. L’operazione stà tutta dentro la riorganizzazione dell’assistenza sanitaria in Toscana (delibera 1235/12 votatta il 28 dic 2012 dalla giunta regionale) condotta dalla giunta Rossi che in seguito ai tagli del governo Berlusconi e della spending rewiev taglia circa 2000 posti letto e opera tagli ai tagli portando la percentuale posti letto per mille abitanti da 3.7 % (prevista dalla Spending rewiev) a 3.15 % (la più bassa d’Italia). Dal territorio Toscano scompare il 118 (da 12 a 3) scompaiono i laboratori di analisi (da 12 a 3) chiuderanno le maternità com meno di 500 nascite all’anno e poi quelle con meno di 1000 nascite all’anno, saranno accorpati servizi e ambulatori, gli ospedali si specializzeranno nella cura di patologie specifiche… introduzione massiccia del privato sociale. Non è solo una questione di tagli, assistiamo al passaggio da un modello di sanità ad un altro segnato dalla presenza di soggetti privati. Tutto questo nella Toscana di Rossi che ha visto lo scandalo dell’asl di massa (300 milioni di buco) dell’Asl di Siena (dieci milioni scomparsi) delle consulenze milionarie delle retribuzioni d’orate a manager e dirigenti senza parlare di Mps….

Venerdì 8 Febbraio sciopero e corteo con concentramento al ponte nuovo ore 10 partecipate se volete e se potete con striscioni solidali per il diritto alla salute …la sanità è di tutti non solo di chi ci lavora ma anche della cittadinanza/utenza

Cobas AOU Careggi

---
link: CortoCircuito

Rete Camere Popolari del Lavoro