Una iniziativa del Coordinamento 20 Maggio per la Ginori

Pubblichiamo di seguito il testo della raccolta firme per la Ginori lanciata dal Coordinamento 20 Maggio di Firenze durante l'assemblea del 12 gennaio, tenutasi proprio all'interno dello stabilimento occupato.

coord 20 maggio ginori

L'importanza della raccolta firme non sta tanto nel "dimostrare" alle istituzioni, ai padroni, in quanti siamo nel voler garantire l'occupazione dei lavoratori e della lavoratrici Richard Ginori. Da questo punto di vista, non serve a nulla.

Serve invece a far parlare, nelle aziende, nei sindacati, nei partiti, nelle strade, della lotta Ginori, affinchè si possa ricucire quella solidarietà di classe necessaria a ribaltare i rapporti di forza, qui come altrove.

Il coordinamento propone inoltre una via percorribile, l'organizzazione di uno sciopero generale territoriale.

Invitiamo dunque ad inviare ai nostri contatti firme e adesioni (sia sindacali sia politiche sia di singoli/e solidali) all'appello del Coord 20 maggio.

per adesioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Tutti per la Ginori, la Ginori per tutti

Il tribunale ha dichiarato il fallimento della Ginori. Un fatto strano e clamoroso se si considera che Ginori aveva già trovato un compratore e che i primi operai erano già pronti a rientrare in produzione. Ma al di là di ogni ipotesi su quanto accaduto, ciò che vogliamo affermare è che ciò che è fallito è il gruppo imprenditoriale che possedeva Ginori.

Ma la Ginori sono i suoi lavoratori e lavoratrici, sono le loro famiglie. E' il territorio. E gli operai Ginori oggi sono ancora in campo. Dopo la notizia del fallimento, hanno immediatamente occupato l'azienda. Un'azione fondamentale per rimarcare la difesa ad oltranza dello stabilimento produttivo di Sesto.

La Ginori diventa così una vertenza chiave per tutti noi. La chiusura dell'azienda inciderebbe su tutto il territorio. Viceversa una vittoria degli operai Ginori diventerebbe un esempio per tutti coloro che oggi combattono contro crisi economica, licenziamenti, disoccupazione. Sarebbe la dimostrazione che la lotta, il protagonismo e la compattezza dei lavoratori è l'unica reale risposta alla crisi e agli attacchi che tutti noi subiamo.

Alla Ginori la maggioranza dei lavoratori è iscritto ai Cobas. E sono i Cobas la struttura che sta portando avanti in maniera più determinata la difesa dei posti di lavoro. Ma indipendentemente dalla propria appartenenza sindacale, ogni lavoratore deve adoperarsi perché questa lotta vinca.

La solidarietà astratta non è però sufficiente. E' necessario chiedere che ogni soggetto sociale metta in campo tutte le sue forze per impedire la chiusura della fabbrica, a partire dalle organizzazioni sindacali. La questione dovrebbe essere posta in ogni assemblea sindacale, andrebbero formati comitati di solidarietà, aperta una cassa di resistenza, per preparare e arrivare a uno sciopero generale territoriale.

Il messaggio da lanciare a chiunque voglia speculare sulla Ginori è questo: mettevi l'animo in pace, la Ginori non vi appartiene. Appartiene ai suoi lavoratori e alle sue lavoratrici e a loro fianco il territorio ne impedirà la chiusura. Attorno alla Ginori, devono così trovare motivo d'unione tutti coloro che oggi lottano contro precarietà, licenziamenti, sfruttamento.

Tutti per la difesa della Ginori, la difesa della Ginori per tutti

Coordinamento 20 Maggio

Rete Camere Popolari del Lavoro