[Napoli] Ultime dal fronte ANM

b_300_0_16777215_00_images_2018_01_30_2.jpg

Giovedì 24 Maggio,  c'è stato un nuovo presidio dei lavoratori dell' anm a Napoli. L'azienda intraprende nuove scelte strategiche di taglio dei costi che come sempre incidono sulla qualità del servizio offerto e conseguentemente anche sui lavoratori. 

In un servizio ormai al collasso, da tempo denunciato dai lavoratori USB, l'azienda decide di aumentare il carico, annuncia infatti la chiusura del deposito del Garittone. Questo deposito, sarebbe il quarto ad essere smantellato, è di interesse strategico per l'azienda quanto per i lavoratori e la cittadinanza; si tratterebbe di chiudere un punto di snodo fondamentale per poter servire minimamente la città. Ed ecco che questo nuovo espediente aziendale è diventato una nuova occasione per i lavoratori di scendere nuovamente in presidio e pretendere che le loro rivendicazioni siano accettate. Una loro intervista ci spiega cosa chiedono e cosa implica questa nuova manovra aziendale. 

Rete Camere Popolari del Lavoro